ITALIA TV

Mani e menti del Made in Italy per lo sviluppo economico

Archivio per Sagrantino di Montefalco

ITALIA TV. VENDEMMIA 2014: BILANCIO POSITIVO PER I VINI DI MONTEFALCO, +20% RISPETTO AL 2013

montefalco

italiatv.it – Montefalco Rosso DOC e Montefalco Sagrantino DOCG promossi a pieni voti nonostante le difficoltà causate dalle abbondanti precipitazioni e dalle basse temperature registrate la scorsa estate. I dati diffusi dal Consorzio Tutela Vini di Montefalco indicano una produzione soddisfacente per i vini della “Ringhiera dell’Umbria”, con numeri che fanno segnare un +20% rispetto al 2013.
La vendemmia 2014, iniziata il 20 agosto e terminata lo scorso 31 ottobre, ha coinvolto le 74 cantine della DOCG Montefalco Sagrantino, che hanno dovuto confrontarsi con un andamento meteorologico piovoso caratterizzato da temperature inferiori alla media stagionale estiva, avversità che hanno reso molto difficile la protezione della vite. Tuttavia, gli sviluppi meteo in linea con gli standard della zona, registrati durante la fase di maturazione delle uve e proseguiti durante il periodo di vendemmia, hanno garantito il raggiungimento di un buon livello qualitativo dell’uva al momento della raccolta.

“Al di là dei condizionamenti meteorologici, il merito degli ottimi risultati ottenuti va anche ai produttori, abili e costanti nella gestione agronomica dei vigneti in quella che possiamo considerare un’annata ‘tecnicamente’ molto impegnativa – ha commentato alla chiusura dei lavori Amilcare Pambuffetti, Presidente del Consorzio Tutela Vini di Montefalco – L’attività oculata portata avanti dai viticoltori ha favorito una raccolta di ottimo livello, con quantità e qualità delle uve più che soddisfacenti. Prevediamo un ottimo rendimento soprattutto per il Sagrantino che, avendo una maturazione più tardiva, è stato ben assistito dalla ripresa delle temperature registrate durante la fase di raccolta.” Qualità di poco inferiore per l’uva Sangiovese, che costituisce il 60-70% dell’uvaggio del Montefalco Rosso DOC e che per la tipologia di maturazione più regolare ha subìto maggiormente le variazioni climatiche.
“Nel complesso – prosegue Pambuffetti – l’annata 2014 sarà caratterizzata da vini con un buon equilibrio, basse gradazioni alcoliche conferite da uve sane, con concentrazioni zuccherine non elevate, buona  acidità e interessanti aspetti aromatici.”

Secondo i dati riportati dal Consorzio Tutela Vini di Montefalco, la quantità di uva vinificata per il 2014 dovrebbe raggiungere i 19.000 ettolitri per il Montefalco Rosso DOC e 7.500 ettolitri per il Montefalco Sagrantino DOCG, contro i 15.800 e 6.000 del 2013. Un dato che fa ben sperare per l’esportazione all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, da anni primo mercato mondiale per il made in Italy vinicolo. Per quanto riguarda l’Europa, molte richieste giungono già dalla Germania, dal Belgio e dalla Danimarca, mentre oltreoceano i mercati più interessanti saranno sicuramente quello canadese e quello cinese, sempre più attenti ed interessati alla cultura enologica italiana. https://italiatv.wordpress.com/

 

Annunci

ITALIA TV. Sagrantino di Montefalco, è tempo di incrociare i calici

enologica35sagrantino

italiatv.it – Circa 4mila bottiglie pronte ad essere stappate, 27 cantine produttrici aderenti, migliaia di turisti attesi da ogni regione d’Italia. Questi alcuni dei numeri stimati per Enologica35, l’evento annuale organizzato dal Consorzio Tutela Vini di Montefalco e dal Comune di Montefalco, che dal 19 al 21 settembre celebrerà il Sagrantino, Denominazione di Origine Controllata e Garantita tra le più prestigiose in Italia, capace di giocare un ruolo di primo piano nello scacchiere dei grandi vini rossi del Paese.

A fare da scenario alla kermesse, il territorio di Montefalco, entrato a pieno diritto nel firmamento dell’Italia del vino grazie all’abile intreccio portato avanti negli anni, sulla spinta di Enologica, tra arte, cultura, vino e territorio. E’ proprio grazie al successo della manifestazione e della preziosa produzione enologica, associati alla ricchezza storica e alla bellezza dei paesaggi umbri, che la terra del Sagrantino di Montefalco è stata incoronata come unica italiana tra le “10 Best Wine Travel Destinations” 2014 del popolare magazine Usa Wine Enthusiast.

Il valore di Enologica35, a livello nazionale e internazionale, per l’intero territorio umbro è al centro della conferenza stampa di presentazione ufficiale di questa mattina al Salone d’onore di Palazzo Donini a Perugia, sede della Regione Umbria, alla presenza dell’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali della Regione Umbria, Fernanda Cecchini, del Sindaco del Comune di Montefalco, Donatella Tesei, dell’Assessore al Turismo del Comune di Montefalco, Daniela Settimi e del Vice Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco, Filippo Antonelli.

Il tema portante di questa trentacinquesima edizione è Storie di Vite, in onore della tradizione che ha reso il Sagrantino un simbolo di eccellenza del Made in Italy. Un fil rouge da seguire passo passo, attraverso la straordinaria serie di iniziative proposte quest’anno per conoscere la “vita” che si evolve intorno alla produzione del vino, nei vigneti e nelle cantine del territorio in questo delicatissimo periodo a ridosso della vendemmia.

La formula, rinnovata rispettando la storicità della manifestazione, prevede numerose attività studiate per coinvolgere, allo stesso tempo, il grande pubblico e gli addetti ai lavori: turisti e wine lovers avranno la possibilità di visitare le terre, i borghi, le cantine per immergersi totalmente nello spirito della produzione vinicola; per la stampa specializzata spazi e approfondimenti riservati.

Come da tradizione, i riflettori saranno puntati  su degustazioni guidate da importanti firme della critica enologica italiana (Antonio Boco per “Il Montefalco Sagrantino Passito”; Jacopo Cossater per “Il Sagrantino si confronta con i grandi vini d’Italia”; Fabio Pracchia per “Il Sagrantino nel tempo”) convegni, cooking show con gli chef Riccardo Benvenuti e Iside De Cesare.

Gli argomenti principali di questa edizione saranno, inoltre, la sostenibilità e il rapporto con l’ambiente, con particolare riferimento alle tematiche al centro di Expo2015: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita con i due convegni “La nuova sfida PSR 2014/2020: sostenibilità, innovazione e conoscenza per creare reddito d’impresa” e “EXPO 2015: quali opportunità e quale comunicazione per i Territori enologici italiani”. Accanto ad essi, approfondimenti su storia, luoghi, mestieri e sapori intrecciati nella cultura e nelle tradizioni di Montefalco.

Enologica35 prenderà ufficialmente il via venerdì 19 settembre con l’inaugurazione alle ore 11.00 presso il Complesso di S.Agostino e l’apertura del Banco d’Assaggio dei Vini di Montefalco che si protenderà per l’intera durata dell’evento, insieme alla raccolta di illustrazioni di umoristi grafici ed illustratori professionisti “12 Autori alla ricerca dello Humour diVINO”.

Straordinaria la partecipazione delle 27 aziende vitivinicole produttrici di Sagrantino che, oltre ad assicurare la presenza nell’arco dell’evento, proporranno anche una serie di eventi in cantina, sia per il pubblico sia per la stampa.

Di seguito, la lista delle 27 cantine aderenti ad Enologica35: Adanti, Antonelli, Arnaldo Caprai, Briziarelli, Castelgrosso, Colle Ciocco, Còlpetrone, Di Filippo, Dionigi, Antano – Fattoria Colleallodole, Le Cimate, Lungarotti, Moretti Omero, Novelli, Pardi, Pennacchi – Terre di Capitani, Perticaia, Rialto, Rocca di Fabbri, Romanelli, Scacciadiavoli, Tabarrini, Tenuta Alzatura, Tenuta Castelbuono, Terre de la Custodia, Terre de Trinci, F.lli Tocchi. https://italiatv.wordpress.com/

ITALIA TV. I vini di Montefalco alla conquista dell’America

montefalco

italiatv.it – Il Consorzio Vini Montefalco in tour in Canada e Stati Uniti, il primo Paese al mondo per consumi di vino nel 2013. Protagonisti i gioielli Montefalco Sagrantino DOCG e Montefalco Rosso DOC. –  2,5 milioni circa di ettolitri esportati per un valore di oltre 1,3 miliardi di dollari. Questi i numeri del made in Italy vinicolo negli Stati Uniti (dati 2013 Oiv – Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino) che si confermano il primo mercato mondiale in termini diconsumi enologici per l’Italia, nonostante la lieve inflessione delle  importazioni complessive (9,4% in quantità).

Il Belpaese resta, dunque, il primo fornitore per il mercato americano. Dato che fa ben sperare per il futuro delle cantine nostrane, pronte a valorizzare il proprio patrimonio all’estero. Si dirige in quest’ottica il tour del Consorzio Tutela Vini Montefalco che, con una rappresentanza di viticoltori provenienti da una tra le aree produttive più rinomate dell’Umbria, ha raccolto consensi in Canada e negli States presentando i propri gioielli vinicoli.
Menzione particolare per il Montefalco Sagrantino DOCG e il Montefalco Rosso DOC, coltivazioni che da oltre cinquecento anni caratterizzano la produzione vinicola di Montefalco e che nel 2013 hanno vissuto un’annata record.

“Per il Montefalco Sagrantino DOCG abbiamo registrato un aumento di 1.500 ettolitri imbottigliati rispetto al 2012, mentre per il Montefalco Rosso DOC abbiamo addirittura  superato i due mila – commenta Amilcare Pambuffetti, Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco – Con questi numeri possiamo guardare con grande fiducia al mercato americano, sensibile alla qualità e al valore dei prodotti made in Italy”.

La traversata a stelle e strisce del Consorzio umbro è iniziata martedì 3 giugno a Toronto, in Canada, e dopo le tappe di New York e San Francisco, si è conclusa mercoledì 11 a Los Angeles. Numerosi i giornalisti, i wine writers, gli operatori del settore e le associazioni di sommelier che hanno preso parte agli eventi.

“Questo è il nostro terzo wine tour negli Stati Uniti come Consorzio insieme alle nostre cantine – conclude il Presidente del Consorzio Pambuffetti -L’affetto e il consenso raccolti ci hanno incoraggiato a proseguire con la valorizzazione dei prodotti di Montefalco all’estero. È fondamentale, sia per l’Umbria sia per l’area di Montefalco, promuovere oltreoceano l’eccellenza della nostra terra e dei nostri prodotti”.

Ben dieci le cantine del Consorzio presenti – Antonelli, Arnaldo Caprai, Colle Ciocco, Fattoria Colsanto, Le Cimate, Perticaia, Romanelli, Scacciadiavoli, Tenuta Bellafonte, Tenuta Castelbuono – che, per la gioia dei partecipanti ai tasting in programma, hanno offerto in degustazione le varietà tipiche del loro territorio. Oltre al Montefalco Sagrantino DOCG, al Montefalco Rosso DOC e al Montefalco Rosso Riserva DOC, gli enofili americani hanno potuto gustare il Montefalco Bianco DOC, il Grechetto, il Trebbiano Spoletino e il Sagrantino Passito DOCG. https://italiatv.wordpress.com/

 

ITALIA TV. Storie di successo. Arnaldo Caprai e il Sagrantino di Montefalco

dario pettinelli italia tv

italiatv.it – La storia della famiglia Caprai è la storia di una famiglia che ama la sua terra, la valorizza e la rappresenta di fronte al mondo. Oggi Caprai è il sinonimo di merletti, di cashmere e di Sagrantino, il vino della terra montefalchese, dove secondo Giotto, San Francesco parlava con gli uccelli.
Correvano gli anni Ottanta, quando il giovanissimo Marco Caprai si dedicava alla gestione dell’azienda agricola acquisita dal padre Arnaldo nel 1971. Era un momento difficile per il Sagrantino che rischiava l’estinzione (se ne contavano infatti gli ultimi 10 ettari e a volte l’uva era usata per la realizzazione di vini da taglio da vendere in Toscana). Quando tutti a Montefalco preferivano Merlot, Cabernet o Sangiovese, varietà più commerciali, Marco scommetteva sul vitigno autoctono e sul futuro di un’uva e di un territorio allo stesso tempo. In collaborazione con l’Università di Milano e con il Parco Tecnologico dell’Umbria, vennero quindi selezionati i 3 migliori cloni di Sagrantino studiandone la combinazione ottimale tra densità d’impianto, sistema di allevamento e portainnesto. Per la prima volta veniva prodotto un Sagrantino secco di qualità che, insieme alla storica versione passita, ha ottenuto nel 1992 il riconoscimento della Doc garantita. Inoltre Marco, ragazzo semplice ed umile, ha avuto il grande coraggio di presentare il suo Sagrantino in tutti gli angoli del pianeta. Grazie a questi eventi Montefalco, la piccola cittadina con un centinaio di residenti dentro le mura, diventata il quinto distretto in Italia più frequentato dai turisti, sia italiani che internazionali, per motivi enogastronomici.
Oggi la cantina Arnaldo Caprai, con i suoi 136 ettari vitati, 750.000 bottiglie, 11 vini in produzione e le intense ricerche nell’ambito del progetto “The New Green Revolution “ oltre a tutti i premi e riconoscimenti ottenuti, è stata annoverata “Cantina Europea dell’anno”. Simbolo di questo successo è il celebre Sagrantino 25 Anni, cru creato nel 1993 in occasione del venticinquesimo anniversario dell’azienda che matura per 24 mesi n barrique prima dell’imbottigliamento. Il millesimo 2004 è rosso rubino impenetrabile, quasi nero. Ampio e complesso al naso: un cesto di frutti di bosco estremamente maturi, poi aromi di liquirizia, cuoio, spezie e cioccolato. La struttura tannica di bel carattere si intrecciano al palato,  possente ed elegante con un retrolfatto persistente ed armonioso. Un grande vino italiano, di territorio e chiara tradizione. Nila Halun – Enoteca Bibenda, Assisi – bibenda.it (https://italiatv.wordpress.com/)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: