ITALIA TV

Mani e menti del Made in Italy per lo sviluppo economico

ITALIA TV. Anteprima Sagrantino a Montefalco. Autenticità e Territorio le parole chiave

sagrantino montefalco

italiatv.it – (di Dario Pettinelli) Si è conclusa con due degustazioni tecniche la prima edizione di Anteprima Sagrantino. Dopo il Chianti Classico a Firenze, il Nobile a Montepulciano e il Brunello a Montalcino, la stampa specializzata arriva a Montefalco per un debutto importante sulla scena delle anteprime blasonate e che punta a diventare un appuntamento fisso.

Autenticità e promozione del territorio sono stati i temi centrali di questi due giorni. Se n’è discusso al Teatro San Filippo Neri con Donatella Tesei, Sindaco di Montefalco, e Amilcare Pambuffetti, Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco nell’ambito della presentazione della vendemmia 2014 e dell’annata 2011 a cura di Riccardo Cotarella, Presidente del Comitato Scientifico del Padiglione Vino di Expo2015 e tra i massimi enologi viventi.

Dal 2000 ad oggi, con una superficie di vigneti DOCG quintuplicata (da 122 a 650 ettari) e la nascita di 30 nuove cantine, la produzione del Montefalco Sagrantino DOCG è triplicata passando da 660mila bottiglie a oltre 1,5milioni per un giro d’affari di circa 100 milioni di euro. Dati che influiscono, anche e soprattutto, sull’economia del territorio che ha registrato, nel 2013, un +3% di occupazione e un +36% di attività produttive con un’impennata del +17% di presenze turistiche.

“Questi risultati sono frutto della dedizione e dell’impegno delle aziende vinicole di questo territorio che hanno saputo affrontare con tenacia le difficoltà imposte dalla crisi del nostro settore – racconta Amilcare Pambuffetti, Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco -. Il nostro prossimo obiettivo sarà potenziare l’aspetto qualitativo dell’intera filiera, partendo dalla presentazione di un nuovo disciplinare, e continuando a puntare sulla formazione tecnica grazie alla quale, quest’anno, siamo riusciti a raggiungere il traguardo di 5milioni di bottiglie vendute, il valore più alto in assoluto per la nostra denominazione”.

Ed è proprio il valore aggiunto della scienza applicata alla vigna e della preparazione tecnica degli enologi del territorio, secondo Cotarella, ad aver permesso di gestire dal punto di vista agronomico un’annata “tecnicamente” molto impegnativa, come quella 2014. Nonostante l’andamento meteorologico sfavorevole, la quantità e la qualità delle uve alla raccolta è stata molto soddisfacente – soprattutto per il Sagrantino grazie alla maturazione più tardiva – che porterà a vini con un buon equilibrio.

“Il Sagrantino è uno dei vini più ricchi di polifenoli e questo gli conferisce grande personalità. E’ un vino complesso, riconoscibile e oggi maggiormente fruibile. Ma è soprattutto un vino che parla del suo territorio perché non è ripetibile in nessun altro luogo con la stessa levatura qualitativa e una performance così specifica come quella che ottiene a Montefalco. Questa è la sua forza e quando un vino è così rappresentativo del suo territorio è da salvaguardare” conclude Riccardo Cotarella, Presidente del Comitato Scientifico del Padiglione Vino di Expo2015.

Al termine della manifestazione, il Sindaco di Montefalco Tesei e il Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco Pambuffetti hanno premiato il vincitore del concorso “Etichetta d’autore 2011”: il fumettista umbro Sudario Brando. La sua opera, intitolata Winephone, diventerà l’etichetta celebrativa proprio dell’annata 2011 del Montefalco Sagrantino DOCG. (http://www.italiatv.it)

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: